Magazine

  • Home
  • Magazine
  • First 36, regata e crociera in una sola barca

First 36, regata e crociera in una sola barca

C'è sempre un tempo in cui i regatisti desiderano una barca più comoda per continuare sì a gareggiare, ma anche per godere di un maggior spazio vivibile a bordo senza rinunciare alle alte prestazioni.

Fino a qualche anno fa, questo compito era affidato al First 40.7, che resterà sempre tra le barche preferite dagli amanti della nautica. Oggi Bénéteau ripropone un modello che è destinato a ripetere una storia di grande successo. 

Si tratta del First 36, ufficialmente presentato al salone di Dusserdolf di gennaio 2022. Con il First 36, Bénéteau mira a riempire il vuoto esistente tra lo sviluppo ad alta tecnologia tipico delle barche da regata e le più gettonate, e comode, barche da crociera.

Scopriamo di più su questa barca nei prossimi paragrafi.

first 36 4

First 36: i punti chiave

Il First 36 continua nella scia dei suoi predecessori nella necessità di coniugare l'amore per la vela allo sport della regata, con linee accattivanti e sportive che caratterizzano barche leggere e performanti.

Il dislocamento basso è una delle caratteristiche principali della barca, che risulta così planante e facile da maneggiare nelle mani dei velisti appassionati. 

All'interno stupisce per l'ampiezza degli spazi. Nonostante sia più piccola di taglia rispetto al First 40.7, conserva infatti le stesse larghezze interne con la possibilità di includere ben tre cabine. Al contempo, il ponte ha un disegno molto dettagliato per agevolare le manovre corte e per accogliere l'intera squadra di regata.

Non è facile riunire in una singola barca il giusto assetto sportivo e la necessità di stare comodi con l'intera famiglia. Con il First 36, questo obiettivo è più vicino che mai.

Niente male per una barca da 11 metri, no?

First 36: la costruzione

first 36 2

Una barca così può essere stata concepita e realizzata solo da armatori e velisti esperti. E così è stato: coordinatore del progetto è Kristian Hajnsek dalla Seascape, con cui continua il sodalizio di Bénéteau per i modelli del First. L'architetto navale è Samuel Manard, nome ormai ben noto dagli armatori Bénéteau, e l'ingegneria è affidata al team di Pure Design & Enrineering dalla nuova Zelanda.

Italiano è il designer degli interni, Lorenzo Argento, a capo del progetto del First Yacht 53. Gigodesign accompagna il reparto di innovazione e ricerca per la definizione del design esterno.

Superficie velica

first 36 5

L'assetto velico è una delle armi di forza del First 36, con un occhio di riguardo proveniente dall'esperienza nelle gare da regata con i modelli precedenti. Così nasce un design velico appropriato, che ricerca l'equilibrio tra uno scafo planante e un'alta performance sotto vento.

Il First 36 è ottimizzato per la navigazione a corto raggio, perfetto quindi per le avventurose regate a distanza. Il suo coefficiente di superficie velica/dislocamento è molto elevato, rendendolo un top performer nella sua categoria.

Le differenze con il First 27

Chiaro il rimando al modello immediatamente più piccolo rispetto al First 36, ossia il First 27. Secondo le stesse parole del team di Gogo Design, si tratta di due barche completamente differente. Mentre sul 27 l'obiettivo era quello di ottimizzare al massimo gli spazi, sul First 36 il progetto è stato completamente incentrato sulla ricerca del massimo comfort senza rinunciare alle altre prestazioni. Di conseguenza, la realizzazione delle due barche ha seguito percorsi totalmente diversi. Non esistono dettagli superficiali o caratteristiche "di troppo", per non rinunciare allo spirito di barca da regata.

Gli interni del First 36

Tre cabine (due italiane, una matrimoniale francese) e un bagno, due cuccette aggiuntive in dinette, cucina accessoriata e un tavolo trasformabile: gli interni del First 36 sono, in tutto e per tutto, quelli di una barca da crociera.

Per dare un'idea di cosa significhi realizzare una barca che riesce a risultare comoda "nonostante" il suo assetto da corsa, prendiamo ad esempio una delle features più significative del nuovo First 36: il bagno.

Nella mente progettuale di GOGODesign, il problema di un bagno piccolo, ma comodo, è stato predisposto utilizzando diverse tecniche salvaspazio. Ne è un esempio il lavandino a scomparsa, posto sopra il WC: con un semplice gesto è nascosto all'interno della parete dopo l'utilizzo, permettendo così di guadagnare un movimento più agevole all'interno della cabina bagno.

Specifiche tecniche First 36

  • Lunghezza scafo: 11,00 m / 36' 1”
  • Larghezza: 3,80 m / 12' 6”
  • Dislocamento preliminare (MLC): 4800 kg / 10580 lbs Pescaggio chiglia standard: 2,25 m / 7' 4,6”
  • Zavorra: 1550 kg / 3420 libbre
  • Superficie velica di bolina: 80 m2 / 860 piedi quadrati
  • Superficie velica sottovento: 180 m2 / 1930 piedi quadrati

Ti aspettiamo a Dusserdolf per presentarti il nuovo First 36.

Columbus Yachting srl - Tutti i diritti riservati.
Piazza Acquasanta, 2 - 90142 Palermo - Italy - Tel. 091 584238 - E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - P.IVA 03710610829
Politica della Privacy